CERTE PERSONE POSSONO RIMANERE NEL CUORE MA NON AL TUO FIANCO

Ho trovato questo post ed inevitabilmente non ho potuto fare a meno di tornare indietro nel tempo e di pensare ad una delle delusioni più grandi ricevute.. perché chiunque può ferirti …. ma nella vita si impara a fregarsene, diventa più difficile farlo quando chi ti fa del male è chi vuoi bene davvero, parlo di amicizia quella vera, in realtà io credevo che lo fosse ma molto probabilmente anzi sicuramente non era cosi… e da li non c’è via di ritorno.

Quando a farti male è parte di te da sempre qualcosa si rompe, non esiste perdono, non esistono scuse… puoi anche provare a giustificare pur di fartene una ragione ma dentro di te sai che è finita. Si spezza quel filo sottile quasi invisibile ma forte allo stesso tempo che ti aveva tenuto legata e ti trovi nell’incredulità “abbandonata”.

Ed è stato proprio così nonostante la mia incredulità senza accorgermene mi sono allontanata lasciandoli nella loro ragione ho preferito allontanarmi da tanta cattiveria perché è cosi che la definisco pura cattiveria perché chi è capace di ferire senza nemmeno guardarti negli occhi non merita altro che le tue spalle.

MAI DIRE…. MAI

noi siamo di quei genitori che odiamo i figli propri e degli altri che corrono tra i tavoli al ristorante… lo pensavamo prima di diventare genitori e lo pensiamo tutt’ora e nostro figlio lo sa benissimo….

Quando sarete o se siete in dolce attesa avrete miliardi di buoni, buonissimi propositi ma nn tutti purtroppo verranno rispettati…. impossibile dite?? Possibilissimo vi dico io.

L’altra sera, prova tangibile, ancora se ci penso inorridisco ma purtroppo succubi dagli eventi ho dovuto tarparmi ali e lingua (ma non a casa sia ben chiaro).

Invitati da un amichetto di mio figlio, genitori veramente piacevoli non abbiamo potuto rifiutare l’invito anche se la location sapevo già non sarebbe stata dalla nostra perché l’avevamo già provata sulla nostra pelle e al solo pensiero rabbrividisco. Ci eravamo già ripromessi in passato di non metterci mai più piede ma purtroppo … ci è toccato …

Nonostante l’estivo ci è toccato cenare all’interno dove c’e’ una ridicola sala giochi che invece per i bambini è meravigliosa e impazziscono…. nel vero senso della parola… il guaio non si può entrare con le scarpe quindi vedevo sti figli(non solo il nostro tavolo) correre ovunque stravolti, sudati e scalzi per il ristorante (se così vogliamo chiamarlo) invasati, irriconoscibili, talmente presi da quel buco che hanno cenato alla velocità della luce facendo una confusione tale,non riconoscendo più i loro bicchieri,piatti… io ero allucinata…. e credo si vedesse perché un genitore mi ha detto “ma dai sono bambini” … ho fatto fatica a trattenere i bulbi oculari al loro posto, un po’ di fumo da naso e orecchie credo sia uscito…. ma stiamo scherzando ho provato anche un tentativo di redimere mio figlio ma non sentivo la mia voce dalla confusione che c’era… un vero incubo….

Quindi se un giorno direte “mio figlio non lo farà mai…. “lo farà, lo farà travolti dagli eventi lo farà e noi parteciperemo a questa scena per nulla divertente che fortunatamente si è protratta solo per 3 ORE…

Riprovo a dirlo….. MAI PIÙ 😂

AIUTO… TOCCANO TUTTO

Ieri parlavo con un’amica diventata mamma da un annetto alle prese con un bimbo che ha iniziato a camminare da poco…. a camminare e a esplorare lei ed il marito sono allucinanti perché il bimbo bravo e buono si è trasformato in una piovra, e quindi hanno messo i sigilli alla casa.

Ma non è che i bambini diventano piovre, è una situazione provante ma più che normale, pensate a questi pargoletti abituati a mamma e papà che si sono sempre sostituiti a loro…. non essendo in grado di far nulla, non gli par vero di poter mettere mano in prima persona…. un’autonomia in piena incoscienza.

Però bunkerare casa non serve a molto, ovvero serve al genitore per non incazzarsi e non urlare ogni 2 secondi “non toccare” no li no”… però non è di aiuto al bimbo che sta crescendo seppur piccolo ha già bisogno di regole e deve capire cosa è giusto e cos’è sbagliato o pericoloso toccare. Ricordiamoci che se anche impacchettiamo casa poi alla prima occasione a casa di amici o in luogo pubblico non ci risparmieranno figuracce indimenticabili quindi piuttosto che mettere i sigilli alla casa magari mettiamo piccoli ostacoli come le calamite ad ante e cassetti oppure i proteggi spigoli, evitiamo che i loro ditini si infilano nelle prese con gli appositi copri presa oppure i coloratissimi detersivi sempre meglio non tenerli a portata di mani e bocca….. loro si devono abituare a vedere “le cose di mamma” per casa devono aver ben chiaro che non si devono toccarequindi sempre meglio tenerli non alla loro portata perché

sono molto veloci a combinare guai i nostri piccoli e state pur certi che quando stanno in silenzio la marachella è in agguato.

IO E LUI

Io e mio figlio un amore unico travolgente e “stravolgente” allo stesso tempo che mi porta a toccare con un dito il cielo e alle volte a raschiare il fondo di me stessa e tirare fuori la parte più brutta di me… nel senso che riesce a togliere tutto il mio buon senso e farmi perdere la pazienza, in realtà riuscirebbe a far perdere la pazienza anche ad un santo…. ma io sono sua madre dovrei comprenderlo aiutarlo… ma ci sono momenti di tale scontro… e quando parte il capriccio ma un capriccio con i fiocchi e i contro fiocchi dove io mi trovo spiazzata e se in un primo momento provo a patteggiare, in un secondo momento parte l’urlo… che so benissimo essere controproducente ma nn c’è altra soluzione per porre fine alla sceneggiata…. ammetto che mio figlio ha un carattere forte anzi ha un carattere proprio brutto deve sempre dire l’ultima parola con un tocco di arroganza (e mentre scrivo mi sembra di descrivere un un’adolescente… ha 5 anni) questo suo modo mi manda in escandescenza ma mi trattengo, ma lui prosegue pretende cose senza senso che io non posso acconsentire, ok l’amore, ok è piccolo, ma io non riesco a dire si quando dentro di me è NO NO NO…. e li è inevitabile lo scontro. lo lascio cuocere nel suo brodo mentre mi lecco da sola le mie ferite… perché proprio così mi sento, ferita dai suoi capricci continui e senza motivo e ferita da me stessa forse non in grado di tenergli testa senza alzare la voce. Mi domando spesso perché fa cosi e perché soprattutto con me. Come si fa ad essere una mamma più brava?

L’ANSIA

Questa sera è una di quelle sere in cui ho l’ansia… una di quelle ansie che non t fa ragionare, che ti fa fare pensieri strambi, innesca un’immaginazione surreale di alcune situazioni e non si riesce più ad essere lucidi da dire….. basta …. non è cosi….

Purtroppo l’ansia è una cattiva amica che spesso ci accompagna a chi più, a chi meno(beato per chi meno) ed è difficile da smollare… è come quelle amicizie morbose che ti stanchi di avere intorno perché pressanti e pesanti vorresti liberartene ma lei in qualche maniera insiste e si ripresenta (Una vera rompipalle).

L’ansia t fa provare quel malstare, può portare anche a sintomi più importanti a volte invalidanti.. si perché purtroppo è più forte di noi e del nostro fisico e della nostra testa di conseguenza comanda anche il nostro corpo.

Liberarsene non è facile e non sempre da soli si riesce, naturalmente se sono casi sporadici è magari solo dovuta ad un periodo un po’ più pressante, ma quando è onnipresente e non fa scindere cosa è giusto o sbagliato,credo che qualcuno di competente possa essere di aiuto per lo meno se non a togliere del tutto l’ansia ,almeno ad insegnare a conviverci e a non farsi dominare.

L’AGO DELLA BILANCIA

Quando è giusto premiare…quando è giusto sgridare… credo non sia facile trovare la “giusta” risposta, ognuno ha il proprio metodo c’è chi sgrida e grida per un nulla, chi rimprovera ogni due secondi c’è chi invece lascia fare i bambini forse per comodità forse perché non è in grado di dare delle regole Forse perché è più semplice così che stare a discutere ogni due nanosecondi.

Io non giudico e non metto in croce il genitore che si comporta diversamente da me anche perché non è detto che io mi stia comportando nel modo giusto , quello che faccio io non è legge.

Una cosa importante però per tutti i genitori e’ di gratificare i propri figli far sentire loro quanto sono importanti quando lo meritano e far sentire loro quanto sono bravi perché è giusto, si, criticarli, cazziarli ma è giusto anche premiarli quando lo meritano e soprattutto gratificarli quando sono bravi, questo fortifichera’ il carattere del nostro bimbo, sapere ed essere consapevole di valere lo aiuterà tantissimo nel suo cammino da bimbo ad adolescente per poi divenire adulto. Lo aiuterà ad essere più sicuro in se stesso. Ricordatevi una cosa che chi da piccolo è stato denigrato da grande se lo ricorderà e segnerà la propria esistenza.

Non mortifichiamo i nostri figli. Stimoliamoli.

SONO UNA FIFONA

Ma si può essere cosi… così….. scema… eppure lo sono…. oggi mi ero e dico ero perché ho gia cancellato tutto… mi ero creata una pagina anche su Facebook, tra l’altro niente male sempre di sosbaby.blog connessa a wordpress ma poi era collegata al mio profilo e se volevo pubblicizzarla e invitare a mettere “mi piace” sarebbe saltato fuori il mio bel faccione…. (scherzi a parte del faccione) sono proprio codarda… si proprio codarda perché mi sarei sentita giudicata da chi mi conosce… mi immaginavo già i commenti e purtroppo non ce l’ho fatta e con mio sommo dispiacere l’ho rimossa….

Dentro di me non volevo ma ho capito che se l’avessi tenuta non sarei più stata spontanea nello scrivere come invece sto facendo ora e ho sempre fatto …. quindi per essere me stessa mi devo nascondere…. sarò cretina? Forse non è solo il momento giusto… in questo momento ho solo bisogno di esprimere ciò che ho dentro, cazzate comprese senza essere additata o giudicata preferisco ricevere un commento sincero da uno sconosciuto che un finto brava da chi mi conosce…. per ogni cosa c’è il suo momento… mi sento più libera così.